Tutto quello che inizia ha una fine. Tutto quello che finisce ha avuto un inizio da qualche parte.

Una perfetta Tmavy Lezák  a Praga, 2010No, non è il nome di una birra, anche se pensando alle stravaganti scelte fatte da Evil Twin,  ora birrificio a New York, potrebbe benissimo esserlo. Non rammento esattamente quando è nato il blog Unabirralgiorno: l’archivio attuale su blogspot arriva sono all’ottobre del 2009 ma l’avventura era partita un po' prima, nel 2008. Ricordo con certezza che il primo post,  poi cancellato, fu sulla Birra Magalotti un marchio storico italiano riesumato da un distributore nazionale e fatto produrre in Austria: non un buon inizio, insomma. Avrei voluto riberla per l’occasione ma non sono riuscito a trovarla.Nel 2008 la birra artigianale italiana esisteva già da una decina d’anni (nel 1996 aprirono le porte Birrificio Italiano, Le Baladin, Beba, Turbacci e Mastro Birraio) ma io l'avevo incontrata solo sporadicamente in qualche fiera gastronomica senza peraltro contestualizzarla: per me era solo birra, una bevanda che mi è sempre piaciuta,  anche se era industriale. A cavallo tra gli anni ’80 e ’90 il massimo dell’eccentricità era per me bere una Weiss o una Guinness, trovare la rossa McFarland o la Foster’s alla spina, qualche Leffe in bottiglia. Collezionavo etichette, probabile evoluzione di qualche  precedente disturbo da accumulo in età pre-adolescenziale: biglie di vetro, tappi a corona, figurine Panini e, più avanti, dischi musicali.  Una mia tipica valigia di ritornoda una vacanzaEro quindi spinto dalla curiosità di provare sempre una birra nuova, quella che non avevo ancora bevuto: ogni vacanza divenne per me occasione di provare birre diverse e di tornare con il baule della macchina carico di bottiglie. Nel frattempo la birra artigianale si stava pian piano diffondendo e l'incontravo sulla mia strada sempre più di frequente. Mi si apriva un nuovo mondo disapori, quelli che poco tempo prima non ero stato in grado di apprezzare: ricordo ancora la reazione disgustata nel bere la mia prima IPA a New York nel 2007. Quando aprii Unabirralgiorno non sapevo nulla sulla cosiddetta degustazione (termine che ancora oggi non amo) della birra, anche se ero un appassionato bevitore: il mio intento - oltre all’inevitabile narcisismo - era realizzare una semplice raccolta d'immagini.  Le mie conoscenze sensoriali sulla birra non andavano al di là del dolce/amaro o del  “sapore di malto” e quindi andai soprattutto alla ricerca di notizie storiche sul birrificio e sulla birra che mi accingevo a fotografare. I post più vecchi del 2009 ancora presenti su Unabirralgiorno sono solo fotografie: ho da tempo rimosso gli scritti, troppo imbarazzanti anche per la mia autoironia o per il mio black humor. Un normale giorno d'estate nelle Fiandre, 2015.Westvleteren 6, la session beer perfetta.La mia voglia di conoscere la birra aumentava ed internet era un alleato prezioso. Iniziai a spulciare gli archivi del vivace Newsgroup It.Hobby.Birra sul quale scrivevano molti homebrewers destinati poi a diventare grandi birrai e soprattutto il forum di MoBi., vera e propria palestra formativa; purtroppo l’archivio storico del forum non è oggi più disponibile e non posso linkarvelo. Ero particolarmente terrorizzato dalla sezione “L’angolo della vergogna” nella quale venivano affondate vere e proprie coltellate nei confronti di birre poco riuscite (cit. “fogna di calcutta”), bloggers impreparati e birrifici imprudenti.  Era il periodo dei cosiddetti “sceriffi del web”:  Luigi Schigi D'Amelio, che non era ancora il birraio di Extraomnes, e Stefano Ricci erano implacabili nel punire chiunque avesse sbandierato inesattezze e la paura di finire un giorno in quella sezione mi spinse ad essere prudente e preciso, a verificare le informazioni e ad evitare di fare premature dissertazioni sulle cause dei difetti di una birra, anche se mi era evidente che ci fosse qualcosa che non andava. In quegli anni la birra artigianale italiana stava muovendo i primi passi, la costanza produttiva era per molti ancora un miraggio e non era affatto strano trovarsi tra le mani quelle che venivano definite bottiglie sfortunate. Più di una cavolata l’ho sicuramente scritta e se non sono finito nell’angolo della vergogna è probabilmente solo perché il blog non lo notava nessuno. Seguivo con grande interesse le trasmissioni della BQ TV , il canale televisivo di Paolo Polli, presidente dell’Associazione Degustatori Birra e ricordo ancora con emozione il mio primo Salone della Birra Artigianale e di Qualità a Milano. Non ho tuttavia mai voluto fare un vero e proprio corso di degustazione: un po’ per colpa della mia indole post-punk ho sempre preferito l’autoformazione alla teoria ed al nozionismo. E’ stato così anche in altri settori, come scrittura, musica e fotografia, con tutti i limiti che la mancanza di un fondamento tecnico/teorico comporta. Anche per questo ho sempre cercato di parlare di birra in termini semplici, comprensibili anche ai neofiti. Non mi è neppure mai interessato sviluppare o migliorare la parte grafica del blog: l'ho tenuto essenziale, rifiutando sempre l'inserimento di qualsiasi banner pubblicitario.Anche sottozero... sole, birrae sei in pole position!Non posso negare l'importanza che hanno avuto siti come Ratebeer e Beer Advocate, oggi surclassati da Untappd: per molti anni mi sono stati alleato prezioso, le loro classifiche  hanno alimentato le mie liste dei desideri  e  ogni volta che bevevo una birra confrontavo le mie impressioni con quelle di altri utenti, alla ricerca di conferme sulle mie note gustative. Poi arrivò una manna dal cielo: il libro Tasting Beer di Randy Mosher, a quel tempo disponibile solo in inglese. Era il periodo in  cui mi entusiasmavo per la Elixir di Baladin, per la Reale di Birra del Borgo, per la Tipopils, la Zona Cesarini di Toccalmatto e  la Via Emilia del Ducato, giusto per citare le prime che mi vengono in mente. In questi dieci anni la birra artigianale italiana ha fatto dei cambiamenti impressionanti: è fortunatamente tramontata del tutto quell'idea della birra come alternativa al vino sulle tavole dei ristoranti ed è quasi scomparso l'odioso formato 75 centilitri.  La birra è tornata ad essere birra, anche se i prezzi sono purtroppo rimasti simili a quelli del vino. Ci siamo fortunatamente lasciati alle spalle il periodo degli ingredienti inusuali che tanto piacevano alla stampa italiana: la birra al tartufo, al basilico, al carciofo. In compenso abbiamo iniziato con le birre "pastry" e "milkshake".Birra con vista 1:  Ocean Beach a San Diego e Alesmith IPA, 2012.Mancava giusto il sole.Un'altra tappa fondamentale della mia formazione fu il Salone del Gusto di Torino del 2010. Il mio primo incontro consapevole con le birre acide in un laboratorio di Kuaska: sino ad allora le avevo assaggiate in autonomia ma non le avevo capite e ben mi guardavo dallo scriverne sul blog: per farlo ne ho dovuto bere molte altre ed ho scelto di aspettare sino al 2013, quando mi sentivo un po' più confidente sull'argomento. E ancora oggi evito di parlare di quegli stili birrari che conosco solo marginalmente: consiglio che vorrei dare a tutti gli aspiranti beer-writer. Ma a quell'edizione del Salone del Gusto c'era anche un angolo di paradiso, almeno per me: lo stand dell'American Brewers Association. Per la prima volta potevo bere IPA americane fatte arrivare in perfetta forma, refrigerate: quello stand era sostanzialmente un bancone dietro al quale vi erano degli enormi frigoriferi. Mi fu consentito anche di portare a casa qualche bottiglia , mi diedero una enorme lista ma io non sapevo bene cosa scegliere, conoscevo pochissimi nomi, mi affidai ai loro: Ruination IPA, Lagunitas Hop Stoopid, Smuttynose IPA, Sculpin IPA,  Si raccomandarono di tenerle in frigorifero, ma io non capivo il perché. Birra con vista 2: Big Red Coq di Brewery Vivant e Old Mission Peninsula, Michigan, 2017.A quel tempo le IPA americane erano già di moda e in Italia se ne importavano molti esemplari, anche se arrivavano tutte con almeno quattro mesi di vita sulle spalle. Il frigorifero lo vedevano solo a casa del consumatore finale. Erano inevitabilmente scariche, ossidate, spesso prive di quella meravigliosa componente fruttata che doveva contrastare l'intenso amaro resinoso. A noi comunque piacevano e le prime IPA italiane si ispirarono proprio a quelle "vecchie" bottiglie: drammaticamente ambrate, caratterizzate da un bel caramellone dolce subito incalzato da un violento amaro resinoso. Bere quelle IPA fresche al Salone del Gusto fu per me una sconvolgente rivelazione sensoriale ed un punto di non ritorno: dovevo assolutamente pianificare una vacanza negli Stati Uniti.Birra con vista 3: i tetti di Lille e Lagerdi Kronenbourg.Nel 2011 i blog birrari in Italia erano diventati più numerosi, con tutti i pregi e i difetti del caso. Io leggevo avidamente i post quotidiani di Cronache di Birra, la cui sezione commenti era in quegli anni un affollato luogo di scambio di idee e polemiche; ammiravo i racconti di Mattia Simoni (oggi publican nel suo Birrlandina) su Pinta Perfetta, le ricostruzioni storiche di Marco Pion, ma tra le mie letture non posso non dimenticare The Hoppy Hour di Alessio Leone  (Byvolume) e  Losing Hope Growing Hops di Eric Novielli (oggi beerwriter su riviste di settore e beergeek nazionale) che già allora mi faceva venire l’acquolina in bocca raccontando birre mostruose come la BORIS The Crusher di Hopping Frog.  La reperibilità di birre sul nostro territorio è ormai vastissima, ma dieci anni fa un vero appassionato avrebbe probabilmente scambiato un rene per delle birre che oggi si trovano sugli scaffali del supermercato, come la Centennial IPA di Founders, le IPA di Avery, Oskar Blues e Lagunitas.Brasserie Cantillon, 2015Ma devo ricordare soprattutto il blog di Inbirrerya  tenuto da Alberto Laschi, vera e propria fonte d’ispirazione, il giusto mix tra notizie storiche sulla birra e note di degustazione: bevevo e leggevo i suoi scritti cercando conferma dei miei appunti di bevuta.  Decisi che Unabirralgiorno doveva assolutamente prendere quella direzione e mi piace pensare d’aver un po’ colmato il vuoto provocato dalla chiusura improvvisa di quel blog avvenuta nel 2013, se non erro.  Nel 2012 la maggior parte dei partecipanti al forum di Mo.Bi. traslocava su Il Barbiere della Birra: io iniziavo a sentirmi un po' più sicuro di quel poco che  sapevo sulla birra ed iniziai a partecipare alle discussioni. Nell'estate dello stesso anno mi recai in California: la birra riuscì a farmi innamorare di una nazione e di una cultura che avevo sempre considerato "inferiore" rispetto alla tradizione Europea. Mi riferisco sopratutto all'Ovest degli Stati Uniti: i suoi sconfinati spazi aperti, i suoi deserti e i suoi canyon furono per un misantropo come me una vera rivelazione, potevi vagare per ore senza quasi incontrare un anima viva. Il tutto accompagnato da luppolo fresco, IPA dorate (e non ambrate!) come il sole della California del Sud: ricordo ancora come fosse ieri l'emozione di scorgere una bottiglia di Pliny The Elder in un food store a San Diego: era la birra che avevo sempre sognato di bere. Mi soffermo volutamente sugli Stati Uniti perchè dopo tutto sono la nazione che ha dato il via alla Craft Beer Revolution che  si è poi espansa in quasi tutti gli altri paesi. Che vi piacciano o no, le American IPA hanno cambiato per sempre la birra, arrivando a contaminare anche tradizioni birrarie secolari come quella belga, tedesca o inglese: quanti birrifici vi sono nel Regno Unito che ancora oggi  producono una English IPA?Birra con vista 4: Dogfish Head 90 Minutes IPA nella Monument Valley, 2012.Non ho mai fatto molto caso alle statistiche della piattaforma Blogspot di Google ma è a partire dal 2013 che Unabirralgiorno ha iniziato ad avere una discreta visibilità, con una fase di crescita lenta ma costante. In quell'anno le visualizzazioni mensili delle pagine iniziarono a raggiungere quota 15.000 per poi superare 30.000 alla metà del 2016 e arrivare a 50.000 nel 2017, anno record. Nel 2018 si stabilizzarono tra le 30 e le 40.000 e nel 2019, anche a causa della ridotta frequenza dei post, sono scese a quota 25.000. L'anno che si è appena concluso ha visto una media di circa 500 visualizzazioni al giorno, ma se prendo in considerazione solo i nuovi post noto che sono visti/letti da solo 150 persone di media: nel 2018 venivano visualizzati da una media di circa 700-800 persone. Del resto su Unabirralgiorno ogni birra viene presentata solamente una volta, tranne pochissime eccezioni: dopo aver passato in rassegna tutti i classici è inevitabile finire a parlare di birre poco conosciute alla gente e poco interessanti. Le dinamiche attuali del mercato della birra artigianale che procede a ritmo di one-shot e birre che spesso non vengono mai replicate non aiuta: che senso ha parlare di una birra che dopo qualche settimana nessuno sarà in grado di reperire sul mercato?  Io stesso ammetto di non leggere quasi più nessun blog.Eat local, drink local:  Deep Dish pizzae Daisy Cutter Pale Ale. Chicago, 2017.Lo strumento blog è già obsoleto da tempo, sostituito prima da Facebook e poi da altri social network che mettono le parole ancora più nelle retrovie rispetto alle immagini, come Instagram. Non a caso un tempo i birrifici mandavano birre da assaggiare ai bloggers, oggi le vedo sopratutto arrivare a ragazzi e ragazze su Instagram che le stappano e si filmano  senza spesso proferire una sola parola sulla birra. Clam chowder e Red Trolley Ale. San Francisco, 2014Negli ultimi anni ho scritto questo post nella mia mente più di una volta. Segno che dopo dodici anni di Unabirralgiorno è il momento di staccare la spina; stanchezza da parte di chi legge e anche da parte di chi scrive. Da un po' di tempo ho provato a ridurre il numero dei post privilegiando la "qualità" alla quantità ma non è servito a molto. Amo ancora la birra, la bevo quotidianamente ma la mia passione nei suoi confronti si è un po' raffreddata: ho sempre meno voglia di correre dietro all'ultima novità e di dover spendere quasi 18 euro al litro per bere una semplice IPA. Non ho più quella passione necessaria a farmi acquistare a quei prezzi delle cosiddette birre quotidiane: le alternative per fortuna non mancano. Ma ho sopratutto voglia di bere con il bicchiere in mano lasciando da parte la penna e la scheda per le note di degustazione. Di bere una birra quando mi va di berla, senza dover rimandare perché pubblicarla sul blog avrebbe significato una mole di lavoro troppo grande nei giorni successivi. Russian River Brewing Company, 2014.Ringrazio tutti i lettori che mi hanno seguito in questo percorso: spero di aver lasciato loro qualcosa e sopratutto di aver convertito neofiti appassionati alla birra "buona", che sia artigianale o no. E di essere riuscito a farli appassionare a questa splendida bevanda, a fargli scoprire magari qualche ottima birra che prima non conoscevano, com'era accaduto a me oltre dieci anni fa. Ringrazio tutti gli altri blogger, gli "sceriffi" e i forumisti che ho citato in precedenza e che ho virtualmente incontrato in tutti questi anni e che hanno contribuito, involontariamente, alla redazione delle pagine di Unabirralgiorno. Ringrazio tutti gli homebrewers che si sono fidati del mio umile parere e mi hanno mandato bottiglie da assaggiare: qualcuno di loro è oggi diventato un affermato birraio. Ringrazio infine mia moglie e mia figlia, anche se non leggeranno mai queste parole visto che la birra è l'ultimo dei loro pensieri: hanno sOpportato in ogni vacanza improbabili deviazioni verso luoghi dove non c'era nulla d'interessante se non un birrificio o un beershop. Unabirralgiorno finisce qui. Rimarrà attiva la pagina Facebook, sulla quale probabilmente proseguirà una versione molto ridotta del blog (ne avete avuto sporadici assaggi in questi giorni), la relativa pagina Instagram e l'inevitabile account di Untappd.Cheers,Davide.Deviazioni casuali verso luoghi privi di interesse turistico:la vecchia taproom di Toppling Goliath, Iowa, 2017.

Tutto quello che inizia ha una fine. Tutto quello che finisce ha avuto un inizio da qualche parte.

Una perfetta Tmavy Lezák  a Praga, 2010No, non è il nome di una birra, anche se pensando alle stravaganti scelte fatte da Evil Twin,  ora birrificio a New York, potrebbe benissimo esserlo. Non rammento esattamente quando è nato il blog Unabirralgiorno: l’archivio attuale su blogspot arriva sono all’ottobre del 2009 ma l’avventura era partita un po' prima, nel 2008. Ricordo con certezza che il primo post,  poi cancellato, fu sulla Birra Magalotti un marchio storico italiano riesumato da un distributore nazionale e fatto produrre in Austria: non un buon inizio, insomma. Avrei voluto riberla per l’occasione ma non sono riuscito a trovarla.Nel 2008 la birra artigianale italiana esisteva già da una decina d’anni (nel 1996 aprirono le porte Birrificio Italiano, Le Baladin, Beba, Turbacci e Mastro Birraio) ma io l'avevo incontrata solo sporadicamente in qualche fiera gastronomica senza peraltro contestualizzarla: per me era solo birra, una bevanda che mi è sempre piaciuta,  anche se era industriale. A cavallo tra gli anni ’80 e ’90 il massimo dell’eccentricità era per me bere una Weiss o una Guinness, trovare la rossa McFarland o la Foster’s alla spina, qualche Leffe in bottiglia. Collezionavo etichette, probabile evoluzione di qualche  precedente disturbo da accumulo in età pre-adolescenziale: biglie di vetro, tappi a corona, figurine Panini e, più avanti, dischi musicali.  Una mia tipica valigia di ritornoda una vacanzaEro quindi spinto dalla curiosità di provare sempre una birra nuova, quella che non avevo ancora bevuto: ogni vacanza divenne per me occasione di provare birre diverse e di tornare con il baule della macchina carico di bottiglie. Nel frattempo la birra artigianale si stava pian piano diffondendo e l'incontravo sulla mia strada sempre più di frequente. Mi si apriva un nuovo mondo disapori, quelli che poco tempo prima non ero stato in grado di apprezzare: ricordo ancora la reazione disgustata nel bere la mia prima IPA a New York nel 2007. Quando aprii Unabirralgiorno non sapevo nulla sulla cosiddetta degustazione (termine che ancora oggi non amo) della birra, anche se ero un appassionato bevitore: il mio intento - oltre all’inevitabile narcisismo - era realizzare una semplice raccolta d'immagini.  Le mie conoscenze sensoriali sulla birra non andavano al di là del dolce/amaro o del  “sapore di malto” e quindi andai soprattutto alla ricerca di notizie storiche sul birrificio e sulla birra che mi accingevo a fotografare. I post più vecchi del 2009 ancora presenti su Unabirralgiorno sono solo fotografie: ho da tempo rimosso gli scritti, troppo imbarazzanti anche per la mia autoironia o per il mio black humor. Un normale giorno d'estate nelle Fiandre, 2015.Westvleteren 6, la session beer perfetta.La mia voglia di conoscere la birra aumentava ed internet era un alleato prezioso. Iniziai a spulciare gli archivi del vivace Newsgroup It.Hobby.Birra sul quale scrivevano molti homebrewers diventati poi grandi birrai e soprattutto il forum di MoBi., vera e propria palestra formativa; purtroppo l’archivio storico del forum non è oggi più disponibile e non posso linkarvelo. Ero particolarmente terrorizzato dalla sezione “L’angolo della vergogna” nella quale venivano affondate vere e proprie coltellate nei confronti di birre poco riuscite (cit. “fogna di calcutta”), bloggers impreparati e birrifici imprudenti.  Era il periodo dei cosiddetti “sceriffi del web”:  Luigi Schigi D'Amelio, che non era ancora il birraio di Extraomnes, e Stefano Ricci erano implacabili nel punire chiunque avesse sbandierato inesattezze e la paura di finire un giorno in quella sezione mi spinse ad essere prudente e preciso, a verificare le informazioni e ad evitare di fare premature dissertazioni sulle cause dei difetti di una birra, anche se mi era evidente che ci fosse qualcosa che non andava. In quegli anni la birra artigianale italiana stava muovendo i primi passi, la costanza produttiva era per molti ancora un miraggio e non era affatto strano trovarsi tra le mani quelle che venivano definite bottiglie sfortunate. Più di una cavolata l’ho sicuramente scritta e se non sono finito nell’angolo della vergogna è probabilmente solo perché il blog non lo notava nessuno. Seguivo con grande interesse le trasmissioni della BQ TV , il canale televisivo di Paolo Polli, presidente dell’Associazione Degustatori Birra e ricordo ancora con emozione il mio primo Salone della Birra Artigianale e di Qualità a Milano. Non ho tuttavia mai voluto fare un vero e proprio corso di degustazione: un po’ per colpa della mia indole post-punk ho sempre preferito l’autoformazione alla teoria ed al nozionismo. E’ stato così anche in altri settori, come scrittura, musica e fotografia, con tutti i limiti che la mancanza di un fondamento tecnico/teorico comporta. Anche per questo ho sempre cercato di parlare di birra in termini semplici, comprensibili anche ai neofiti. Non mi è neppure mai interessato sviluppare o migliorare la parte grafica del blog: l'ho tenuto essenziale, rifiutando sempre l'inserimento di qualsiasi banner pubblicitario.Anche sottozero... sole, birrae sei in pole position!Non posso negare l'importanza che hanno avuto siti come Ratebeer e Beer Advocate, oggi surclassati da Untappd: per molti anni mi sono stati alleati preziosi, le loro classifiche  hanno alimentato le mie liste dei desideri  e  ogni volta che bevevo una birra confrontavo le mie impressioni con quelle di altri utenti, alla ricerca di conferme sulle mie note gustative. Poi arrivò una manna dal cielo: il libro Tasting Beer di Randy Mosher, a quel tempo disponibile solo in inglese. Era il periodo in  cui mi entusiasmavo per la Elixir di Baladin, per la Reale di Birra del Borgo, per la Tipopils, la Zona Cesarini di Toccalmatto e  la Via Emilia del Ducato, giusto per citare le prime che mi vengono in mente. In questi dieci anni la birra artigianale italiana ha fatto dei cambiamenti impressionanti: è fortunatamente tramontata del tutto quell'idea della birra come alternativa al vino sulle tavole dei ristoranti ed è quasi scomparso l'odioso formato 75 centilitri.  La birra è tornata ad essere birra, anche se i prezzi sono purtroppo rimasti simili a quelli del vino. Ci siamo fortunatamente lasciati alle spalle il periodo degli ingredienti inusuali che tanto piacevano alla stampa italiana: la birra al tartufo, al basilico, al carciofo. In compenso abbiamo iniziato con le birre pastry e milkshake.Birra con vista 1:  Ocean Beach a San Diego e Alesmith IPA, 2012.Mancava giusto il sole.Un'altra tappa fondamentale della mia formazione fu il Salone del Gusto di Torino del 2010. Il mio primo incontro consapevole con le birre acide in un laboratorio di Kuaska: sino ad allora le avevo assaggiate in autonomia ma non le avevo capite e ben mi guardavo dallo scriverne sul blog: per farlo ne ho dovuto bere molte altre ed ho scelto di aspettare sino al 2013, quando mi sentivo un po' più confidente sull'argomento. E ancora oggi evito di parlare di quegli stili birrari che conosco solo marginalmente: consiglio che vorrei dare a tutti gli aspiranti beer-writer. Ma a quell'edizione del Salone del Gusto c'era anche un angolo di paradiso, almeno per me: lo stand dell'American Brewers Association. Per la prima volta potevo bere IPA americane fatte arrivare in perfetta forma, refrigerate: quello stand era sostanzialmente un bancone dietro al quale vi erano degli enormi frigoriferi. Mi fu consentito anche di portare a casa qualche bottiglia , mi diedero una enorme lista ma io non sapevo bene cosa scegliere, conoscevo pochissimi nomi, mi affidai ai loro: Ruination IPA, Lagunitas Hop Stoopid, Smuttynose IPA, Sculpin IPA,  Si raccomandarono di tenerle in frigorifero, ma io non capivo il perché. Birra con vista 2: Big Red Coq di Brewery Vivant e Old Mission Peninsula, Michigan, 2017.A quel tempo le IPA americane erano già di moda e in Italia se ne importavano molti esemplari, anche se arrivavano tutte con almeno quattro mesi di vita sulle spalle. Il frigorifero lo vedevano solo a casa del consumatore finale. Erano inevitabilmente scariche, ossidate, spesso prive di quella meravigliosa componente fruttata che doveva contrastare l'intenso amaro resinoso. A noi comunque piacevano e le prime IPA italiane si ispirarono proprio a quelle "vecchie" bottiglie: drammaticamente ambrate, caratterizzate da un bel caramellone dolce subito incalzato da un violento amaro resinoso. Bere quelle IPA fresche al Salone del Gusto fu per me una sconvolgente rivelazione sensoriale ed un punto di non ritorno: dovevo assolutamente pianificare una vacanza negli Stati Uniti.Birra con vista 3: i tetti di Lille e Lagerdi Kronenbourg.Nel 2011 i blog birrari in Italia erano diventati più numerosi, con tutti i pregi e i difetti del caso. Io leggevo avidamente i post quotidiani di Cronache di Birra, la cui sezione commenti era in quegli anni un affollato luogo di scambio di idee e polemiche; ammiravo i racconti di Mattia Simoni (oggi publican nel suo Birrlandina) su Pinta Perfetta, le ricostruzioni storiche di Marco Pion, ma tra le mie letture non posso non dimenticare The Hoppy Hour di Alessio Leone  (Byvolume) e  Losing Hope Growing Hops di Eric Novielli (oggi beerwriter su riviste di settore e beergeek nazionale) che già allora mi faceva venire l’acquolina in bocca raccontando birre mostruose come la BORIS The Crusher di Hopping Frog.  La reperibilità di birre sul nostro territorio è ormai vastissima, ma dieci anni fa un vero appassionato avrebbe probabilmente scambiato un rene per delle birre che oggi si trovano sugli scaffali del supermercato, come la Centennial IPA di Founders, le IPA di Avery, Oskar Blues e Lagunitas.Brasserie Cantillon, 2015Ma devo ricordare soprattutto il blog di Inbirrerya  tenuto da Alberto Laschi, vera e propria fonte d’ispirazione, il giusto mix tra notizie storiche sulla birra e note di degustazione: bevevo e leggevo i suoi scritti cercando conferma dei miei appunti di bevuta.  Decisi che Unabirralgiorno doveva assolutamente prendere quella direzione e mi piace pensare d’aver un po’ colmato il vuoto provocato dalla chiusura improvvisa di quel blog avvenuta nel 2013, se non erro.  Nel 2012 la maggior parte dei partecipanti al forum di Mo.Bi. traslocava su Il Barbiere della Birra: io iniziavo a sentirmi un po' più sicuro di quel poco che  sapevo sulla birra ed iniziai a partecipare alle discussioni. Nell'estate dello stesso anno mi recai in California: la birra riuscì a farmi innamorare di una nazione e di una cultura che avevo sempre considerato "inferiore" rispetto alla tradizione Europea. Mi riferisco sopratutto all'Ovest degli Stati Uniti: i suoi sconfinati spazi aperti, i suoi deserti e i suoi canyon furono per un misantropo come me una vera rivelazione, potevi vagare per ore senza quasi incontrare un anima viva. Il tutto accompagnato da luppolo fresco, IPA dorate (e non ambrate!) come il sole della California del Sud: ricordo ancora come fosse ieri l'emozione di scorgere una bottiglia di Pliny The Elder in un food store a San Diego: era la birra che avevo sempre sognato di bere. Mi soffermo volutamente sugli Stati Uniti perché dopo tutto sono la nazione che ha dato il via alla Craft Beer Revolution che  si è poi espansa in quasi tutti gli altri paesi. Che vi piacciano o no, le American IPA hanno cambiato per sempre la birra, arrivando a contaminare anche tradizioni birrarie secolari come quella belga, tedesca o inglese: quanti birrifici vi sono nel Regno Unito che ancora oggi  producono una English IPA?Birra con vista 4: Dogfish Head 90 Minutes IPA nella Monument Valley, 2012.Non ho mai fatto molto caso alle statistiche della piattaforma Blogspot di Google ma è a partire dal 2013 che Unabirralgiorno ha iniziato ad avere una discreta visibilità, con una fase di crescita lenta ma costante. In quell'anno le visualizzazioni mensili delle pagine iniziarono a raggiungere quota 15.000 per poi superare 30.000 alla metà del 2016 e arrivare a 50.000 nel 2017, anno record. Nel 2018 si stabilizzarono tra le 30 e le 40.000 e nel 2019, anche a causa della ridotta frequenza dei post, sono scese a quota 25.000. L'anno che si è appena concluso ha visto una media di circa 500 visualizzazioni al giorno, ma se prendo in considerazione solo i nuovi post noto che sono visti/letti da solo 150 persone di media: nel 2018 venivano visualizzati da una media di circa 700-800 persone. Del resto su Unabirralgiorno ogni birra viene presentata solamente una volta, tranne pochissime eccezioni: dopo aver passato in rassegna tutti i classici è inevitabile finire a parlare di birre poco conosciute alla gente e poco interessanti. Le dinamiche attuali del mercato della birra artigianale che procede a ritmo di one-shot e birre che spesso non vengono mai replicate non aiuta: che senso ha parlare di una birra che dopo qualche settimana nessuno sarà in grado di reperire sul mercato?  Io stesso ammetto di non leggere quasi più nessun blog.Eat local, drink local:  Deep Dish pizzae Daisy Cutter Pale Ale. Chicago, 2017.Lo strumento blog è già obsoleto da tempo, sostituito prima da Facebook e poi da altri social network che mettono le parole ancora più nelle retrovie rispetto alle immagini, come Instagram. Non a caso un tempo i birrifici mandavano birre da assaggiare ai bloggers, oggi le vedo sopratutto arrivare a ragazzi e ragazze su Instagram che le stappano e si filmano  senza spesso proferire una sola parola sulla birra. Clam chowder e Red Trolley Ale. San Francisco, 2014Negli ultimi anni ho scritto questo post nella mia mente più di una volta. Segno che dopo dodici anni di Unabirralgiorno è il momento di staccare la spina; stanchezza da parte di chi legge e anche da parte di chi scrive. Da un po' di tempo ho provato a ridurre il numero dei post privilegiando la "qualità" alla quantità ma non è servito a molto. Amo ancora la birra, la bevo quotidianamente ma la mia passione nei suoi confronti si è un po' raffreddata: ho sempre meno voglia di correre dietro all'ultima novità e di dover spendere quasi 18 euro al litro per bere una semplice IPA. Non ho più quella passione necessaria a farmi acquistare a quei prezzi delle cosiddette birre quotidiane: le alternative per fortuna non mancano. Ma ho sopratutto voglia di bere con il bicchiere in mano lasciando da parte la penna e la scheda per le note di degustazione. Di bere una birra quando mi va di berla, senza dover rimandare perché pubblicarla sul blog avrebbe significato una mole di lavoro troppo onerosa nei giorni successivi. Russian River Brewing Company, 2014.Ringrazio tutti i lettori che mi hanno seguito in questo percorso: spero di aver lasciato loro qualcosa e sopratutto di aver convertito neofiti appassionati alla birra "buona", che sia artigianale o no. E di essere riuscito a farli appassionare a questa splendida bevanda, a fargli scoprire magari qualche ottima birra che prima non conoscevano, com'era accaduto a me oltre dieci anni fa. Ringrazio tutti gli altri blogger, gli "sceriffi" e i forumisti che ho citato in precedenza e che ho virtualmente incontrato in tutti questi anni; tutti loro hanno contribuito, involontariamente, alla redazione delle pagine di Unabirralgiorno. Ringrazio tutti gli homebrewers che si sono fidati del mio umile parere e mi hanno mandato bottiglie da assaggiare: qualcuno di loro è oggi diventato un affermato birraio. Ringrazio infine mia moglie e mia figlia, anche se non leggeranno mai queste parole visto che la birra è l'ultimo dei loro pensieri: mi hanno sOpportato in ogni vacanza con improbabili deviazioni verso luoghi dove non c'era nulla d'interessante se non un birrificio o un beershop. Unabirralgiorno finisce qui. Rimarrà attiva la pagina Facebook, sulla quale probabilmente proseguirà una versione molto ridotta del blog (ne avete avuto sporadici assaggi in questi giorni), la relativa pagina Instagram e l'inevitabile account di Untappd.Cheers,Davide.Deviazioni casuali verso luoghi privi di interesse turistico:la vecchia taproom di Toppling Goliath, Iowa, 2017.

Great Divide Yeti Imperial Stout – Barrel Aged 2019

L’ultima Imperial Stout dell’anno che sta per concludersi è una birra che avevo sempre voluto assaggiare ma che in Europa/Italia era sempre arrivata di rado e, in quelle occasioni, a prezzi molto poco amichevoli.  Parliamo della Barrel Aged Yeti di Great Divide, birrificio di Denver, Colorado, del quale vi ho già parlato in più di un’occasione. Fondato nel 1994 dall’ex-homebrewer Brian Dunn nei capannoni un vecchio caseificio in disuso, il birrificio è andato via via ingrandendosi su quel terreno fino a quando è stato possibile: nel 2013 è stato costretto a trasferirsi nel River North Art District (RiNo) di Denver dove è stato inaugurato il nuovo stabilimento da 6000 metri quadri.  Great Divide produce oggi circa 35.000 barili all’anno, in leggero calo rispetto al picco del 2015: una flessione che ha colpito quasi tutti i grossi birrifici artigianali americani, incalzati da molte nuove realtà locali di dimensioni più contenute e quindi dotati di una maggior flessibilità produttiva.A guidare le vendite sono comunque ancora tre classici senza tempo:  Titan IPA, Denver Pale Ale e Yeti Imperial Stout. Titan e Yeti nacquero nel 2004 in occasione dei festeggiamenti del decimo compleanno: sino ad allora si erano chiamate Maverick IPA e Maverick Imperial Stout, ma le minacce di un birrificio californiano che utilizzava già il nome Mavericks obbligarono Dunn a cambiare: “viaggiai per tre mesi tra India, Nepal e Cina e mi innamorai della leggenda dello Yeti, una creatura straordinaria con tutto il folklore  che lo  circonda. Quel nome mi rimase impresso e così nacque la Yeti Imperial Stout”Nel corso degli anni Yeti è diventato un vero e proprio brand all’interno della gamma Great Divide che include ormai oltre una ventina di varianti. Dalla sorellina Velvet Yeti (5% ABV, nitro) a quella prodotta con avena (Oatmeal Yeti) o cioccolato (Chocolate Oak Aged) disponibili ogni anno stagionalmente; la moda del pastry ci ha poi regalato la Maple Pecan Yeti e la S’mores Yeti;chi vuole restare sul classico può invece optare per la serie Oak Aged, ma attenzione alle parole (e al prezzo). Oak Aged (chips di rovere) non significa Barrel-Aged.Il 2019 è stato un altro anno particolare per l’abominevole uomo delle nevi: i festeggiamenti del venticinquesimo compleanno di Great Divide sono culminati in una festa a Arapahoe Street, dove il birrificio fu fondato, nel corso della quale vennero servite ben 14 varianti di Yeti e per l’occasione è stata prodotta la 25th Big Anniversary Yeti  (13.5% anziché 9.5%). Qualche mese dopo, a novembre, la Barrel Aged Yeti Imperial Stout ha abbandonato il classico formato Bomber per fare il suo debutto in lattina. La birra.Sono almeno dodici i mesi che la potente Yeti trascorre in botti che avevano in precedenza ospitato whiskey; non ci vengono date ulteriori informazioni e quindi apriamo questa lattina 2019, disponibile come sempre solo nei mesi che vanno da novembre a gennaio. Minacciosamente nera e viscosa,  forma un glorioso cappello di schiuma cremosa e compatta dall'ottima persistenza. Torrefatto, tabacco, fondi di caffè, cacao fondente: al naso si ritrovano le caratteristiche tipiche della Yeti affiancate da note di distillato, accenni di legno e vaniglia, un filo di fumo, ricordi di fruit cake e liquirizia. Il suo splendido aspetto non trova piena corrispondenza del mouthfeel, anche se non ci si può lamentare: il suo look “catramoso” regala solo una leggera oleosità ma nessuna particolare densità o morbidezza. Melassa, fudge, frutta sotto spirito (uvetta, prugna) e accenni di vaniglia disegnano una bevuta molto più morbida e docile rispetto all'aggressività (anche luppolata) di una giovane Yeti.  Non manca comunque l’amaro del torrefatto, del caffè e del cioccolato fondente, prologo ad un lungo retrogusto potenziato dal distillato. L’alcool (non dichiarato in etichetta, ma siamo al 12.5%) riscalda con vigore ma non è affatto difficile sorseggiare questa Barrel Aged Yeti. L’apporto della botte non è forse dei più raffinati o profondi, il distillato prende il sopravvento rispetto a tutte le altre sfumature ma la bevuta regala comunque belle soddisfazioni con un rapporto qualità prezzo piuttosto positivo, per i tempi che corrono.Formato 47,3 cl., alc. 12%, lotto 24/10/2019, prezzo indicativo 10-12 Euro (beershop)

Great Divide Yeti Imperial Stout – Barrel Aged 2019

L’ultima Imperial Stout dell’anno che sta per concludersi è una birra che avevo sempre voluto assaggiare ma che in Europa/Italia era sempre arrivata di rado e, in quelle occasioni, a prezzi molto poco amichevoli.  Parliamo della Barrel Aged Yeti di Great Divide, birrificio di Denver, Colorado, del quale vi ho già parlato in più di un’occasione. Fondato nel 1994 dall’ex-homebrewer Brian Dunn nei capannoni un vecchio caseificio in disuso, il birrificio è andato via via ingrandendosi su quel terreno fino a quando è stato possibile: nel 2013 è stato costretto a trasferirsi nel River North Art District (RiNo) di Denver dove è stato inaugurato il nuovo stabilimento da 6000 metri quadri.  Great Divide produce oggi circa 35.000 barili all’anno, in leggero calo rispetto al picco del 2015: una flessione che ha colpito quasi tutti i grossi birrifici artigianali americani, incalzati da molte nuove realtà locali di dimensioni più contenute e quindi dotati di una maggior flessibilità produttiva.A guidare le vendite sono comunque ancora tre classici senza tempo:  Titan IPA, Denver Pale Ale e Yeti Imperial Stout. Titan e Yeti nacquero nel 2004 in occasione dei festeggiamenti del decimo compleanno: sino ad allora si erano chiamate Maverick IPA e Maverick Imperial Stout, ma le minacce di un birrificio californiano che utilizzava già il nome Mavericks obbligarono Dunn a cambiare: “viaggiai per tre mesi tra India, Nepal e Cina e mi innamorai della leggenda dello Yeti, una creatura straordinaria con tutto il folklore  che lo  circonda. Quel nome mi rimase impresso e così nacque la Yeti Imperial Stout”Nel corso degli anni Yeti è diventato un vero e proprio brand all’interno della gamma Great Divide che include ormai oltre una ventina di varianti. Dalla sorellina Velvet Yeti (5% ABV, nitro) a quella prodotta con avena (Oatmeal Yeti) o cioccolato (Chocolate Oak Aged) disponibili ogni anno stagionalmente; la moda del pastry ci ha poi regalato la Maple Pecan Yeti e la S’mores Yeti;chi vuole restare sul classico può invece optare per la serie Oak Aged, ma attenzione alle parole (e al prezzo). Oak Aged (chips di rovere) non significa Barrel-Aged.Il 2019 è stato un altro anno particolare per l’abominevole uomo delle nevi: i festeggiamenti del venticinquesimo compleanno di Great Divide sono culminati in una festa a Arapahoe Street, dove il birrificio fu fondato, nel corso della quale vennero servite ben 14 varianti di Yeti e per l’occasione è stata prodotta la 25th Big Anniversary Yeti  (13.5% anziché 9.5%). Qualche mese dopo, a novembre, la Barrel Aged Yeti Imperial Stout ha abbandonato il classico formato Bomber per fare il suo debutto in lattina. La birra.Sono almeno dodici i mesi che la potente Yeti trascorre in botti che avevano in precedenza ospitato whiskey; non ci vengono date ulteriori informazioni e quindi apriamo questa lattina 2019, disponibile come sempre solo nei mesi che vanno da novembre a gennaio. Minacciosamente nera e viscosa,  forma un glorioso cappello di schiuma cremosa e compatta dall'ottima persistenza. Torrefatto, tabacco, fondi di caffè, cacao fondente: al naso si ritrovano le caratteristiche tipiche della Yeti affiancate da note di distillato, accenni di legno e vaniglia, un filo di fumo, ricordi di fruit cake e liquirizia. Il suo splendido aspetto non trova piena corrispondenza del mouthfeel, anche se non ci si può lamentare: il suo look “catramoso” regala solo una leggera oleosità ma nessuna particolare densità o morbidezza. Melassa, fudge, frutta sotto spirito (uvetta, prugna) e accenni di vaniglia disegnano una bevuta molto più morbida e docile rispetto all'aggressività (anche luppolata) di una giovane Yeti.  Non manca comunque l’amaro del torrefatto, del caffè e del cioccolato fondente, prologo ad un lungo retrogusto potenziato dal distillato. L’alcool (non dichiarato in etichetta, ma siamo al 12.5%) riscalda con vigore ma non è affatto difficile sorseggiare questa Barrel Aged Yeti. L’apporto della botte non è forse dei più raffinati o profondi, il distillato prende il sopravvento rispetto a tutte le altre sfumature ma la bevuta regala comunque belle soddisfazioni con un rapporto qualità prezzo piuttosto positivo, per i tempi che corrono.Formato 47,3 cl., alc. 12%, lotto 24/10/2019, prezzo indicativo 10-12 Euro (beershop)

DALLA CANTINA: De Dolle Drie Mussen 2015

I polder sono una fascia costiera al di sotto del livello dell'alta marea che è stata sottratta al mare da opere di bonifica; tramite dighe e canali, il terreno viene isolato e poi reso coltivabile. I primi esperimenti furono realizzati nel XII secolo intorno alla città di Bruges e furono poi perfezionati nei secoli successivi dagli olandesi che, all'epoca dei primi polder nel 1600, aspiravano l’acqua anche con l’aiuto di pompe idrovore azionate dai mulini a vento ed eliminavano poi il sale di cui era impregnato il terreno coltivando il cavolo cappuccio, ortaggio che ha grande capacità di assorbimento del sale. I polder furono anche usati per scopi militari; aprire le dighe per allagare rapidamente vasti aree di terreno era una tecnica usata per rallentare l’avanzata dell’esercito nemico. E’ quello che accadde in Belgio nel corso della prima guerra mondiale: lo scopo fu raggiunto, ma l’impossibilità di spostarsi originò una lunga guerra di trincea nella quale moltissimi soldati furono vittima del fango e degli elementi naturali avversi, ancor prima delle mitragliatrici e dei cannoni. Il polder Drie Mussen (“i tre passeri”) si trova in Belgio nella valle Handzame tra Diksmuide, Beerst e Vladslo: un’area agricola di 78 ettari per la quale a partire dal  2011 il governo fiammingo ha finanziato opere volte a recuperarne ed a preservarne la biodiversità: scavi di drenaggio, pulizia dei canali e delle d’acqua pozze per facilitare l’abbeveramento degli animali, piantumazione. Un progetto pilota, al quale lavorano agricoltori ed associazioni naturaliste, che ha già dato ottimi risultati: alcune specie di uccelli sono tornate a ripopolare i campi e gli agricoltori hanno notato grandi miglioramenti nella qualità dell’acqua e nel drenaggio dei prati nei periodi più umidi dell’anno.E’ stato inoltre creato il “sentiero dei tre passeri” (Drie Mussenwandeling),   una bella camminata di quattro chilometri che dal Grote Mark di Diksmuide vi conduce al quartiere di Beerst-Keizerhoek dove si trova il caffè De Drie Musschen, l’accesso all’area del polder e un moderno ponte pedonale dal quale potete ammirare i campanili delle chiese di Diksmuide, Esen, Vladslo e Beerst.Esen: agli appassionati di birra belga questa parola dovrebbe subito scaldare il cuore. E’ in questo piccolo paese delle fiandre che ha infatti sede il birrificio De Dolle. A gennaio 2015 per promuovere il turismo nell’area, la municipalità di Diksmuide ha voluto creare alcuni prodotti gastronomici a marchio Drie Mussen. Al caseificio biologico Dischhof è stato commissionato un formaggio (Drie Mussenkaas) prodotto con il latte del bestiame che pascola libero nella zona del polder. Al birrificio De Dolle, che si trova ai margini della zona, è invece toccato il compito di realizzare il suo abbinamento perfetto, la Drie Mussenbier. La birra.Ricordo il mio stupore quando nell’estate del 2015 avvistai una bottiglia di Drie Mussen (8%) in un piccolo negozio di alimentari di Diksmuide. Non ne avevo mai sentito parlare e pensavo d’aver messo le mani su una specie di rarità, ma qualche ricerca in Internet mi fece poi tornare rapidamente con i piedi sulla terra. Sembra infatti essere una semplice rietichettatura della Arabier, anche se questo articolo del 2015  parla di una “versione speciale della Arabier”. Impossibile pretendere di conoscere la verità quando c’è di mezzo De Dolle; il “birraio pazzo” Kris Herteleer ha anche voluto trovare un curioso aneddoto da abbinare al nome. Come detto, De Drie Musschen è il nome di una locanda il cui proprietario aveva tre giovani figlie “così piccole e magre che avrebbero potuto volare via da dietro il bancone, proprio come tre passeri”.  L’Arabier di De Dolle è una Belgian Strong Ale generosamente luppolata e dalla bevibilità assassina; non è ovviamente una birra da far invecchiare ma da bere fresca. Partendo dal presupposto che questa Drie Mussenbier sia solo un’Arabier mascherata, ho deciso volutamente di dimenticarla per cinque anni in cantina per togliermi la curiosità di vederne l’evoluzione.  Il suo colore arancio velato è ovviamente un po’ più scuro rispetto a quello di una Arabier giovane; l’esuberante schiuma pannosa è quasi indissolubile e regala subito forti esteri fruttati, vagamente sciropposi, non facili da definire. Pensate a frutti di bosco, lamponi, ad una mela rossa matura, alla ciliegia sciroppata: bisogna attendere molti minuti che la schiuma collassi per sentire profumi più convenzionali che richiamano il biscottato, la frutta candita e quel magico profumo del lievito belga che per certi versi può ricordare alcuni champagne. Il timore che sia una birra terribilmente dolce ed ossidata svanisce fortunatamente al primo sorso: la bevuta è molto più armonica, bilanciata tra accenni di caramello e biscottati, pesca e albicocca candita, uvetta gialla e qualche nota vinosa che inizia a ricordare il marsalato. Ma la vera magia di questa Drie Mussen/ Arabier avviene nel finale, con un bel taglio acidulo a ripulire il dolce e un finale secchissimo, con punta amaricante di frutta secca a guscio che nuovamente suggerisce affinità con il mondo dello champagne. (Lo scenario descritto vi suona familiare? Qualche Stille Nacht con un paio d’anni sulle spalle, forse ?) La sua generosa luppolatura è scomparsa, l’alcool scalda con raziocinio e le bollicine non hanno l’aggressività tipica di una Arabier fresca: certo, il corpo mostra qualche lieve cedimento ma è una birra che si beve bene e che impressiona per la sua tenuta nel tempo. Non posso dire di preferirla ad una Arabier giovane, ma non ne farei un dramma se scoprissi di essermi dimenticato in cantina qualche bottiglia.Per vostra informazione la Drie Mussen viene ancora prodotta con un'etichetta un po' meno amatoriale e un bicchiere - il classico Oerbier di De Dolle - serigrafato appropriatamente. Formato 33 cl., alc. 8%, scad. 05/2017, pagata 2,02 Euro (Belgio)NOTA: la descrizione della birra è basata esclusivamente sull’assaggio di questo esemplare e potrebbe non rispecchiare la produzione abituale del birrificio

DALLA CANTINA: De Dolle Drie Mussen 2015

I polder sono una fascia costiera al di sotto del livello dell'alta marea che è stata sottratta al mare da opere di bonifica; tramite dighe e canali, il terreno viene isolato e poi reso coltivabile. I primi esperimenti furono realizzati nel XII secolo intorno alla città di Bruges e furono poi perfezionati nei secoli successivi dagli olandesi che, all'epoca dei primi polder nel 1600, aspiravano l’acqua anche con l’aiuto di pompe idrovore azionate dai mulini a vento ed eliminavano poi il sale di cui era impregnato il terreno coltivando il cavolo cappuccio, ortaggio che ha grande capacità di assorbimento del sale. I polder furono anche usati per scopi militari; aprire le dighe per allagare rapidamente vasti aree di terreno era una tecnica usata per rallentare l’avanzata dell’esercito nemico. E’ quello che accadde in Belgio nel corso della prima guerra mondiale: lo scopo fu raggiunto, ma l’impossibilità di spostarsi originò una lunga guerra di trincea nella quale moltissimi soldati furono vittima del fango e degli elementi naturali avversi, ancor prima delle mitragliatrici e dei cannoni. Il polder Drie Mussen (“i tre passeri”) si trova in Belgio nella valle Handzame tra Diksmuide, Beerst e Vladslo: un’area agricola di 78 ettari per la quale a partire dal  2011 il governo fiammingo ha finanziato opere volte a recuperarne ed a preservarne la biodiversità: scavi di drenaggio, pulizia dei canali e delle d’acqua pozze per facilitare l’abbeveramento degli animali, piantumazione. Un progetto pilota, al quale lavorano agricoltori ed associazioni naturaliste, che ha già dato ottimi risultati: alcune specie di uccelli sono tornate a ripopolare i campi e gli agricoltori hanno notato grandi miglioramenti nella qualità dell’acqua e nel drenaggio dei prati nei periodi più umidi dell’anno.E’ stato inoltre creato il “sentiero dei tre passeri” (Drie Mussenwandeling),   una bella camminata di quattro chilometri che dal Grote Mark di Diksmuide vi conduce al quartiere di Beerst-Keizerhoek dove si trova il caffè De Drie Musschen, l’accesso all’area del polder e un moderno ponte pedonale dal quale potete ammirare i campanili delle chiese di Diksmuide, Esen, Vladslo e Beerst.Esen: agli appassionati di birra belga questa parola dovrebbe subito scaldare il cuore. E’ in questo piccolo paese delle fiandre che ha infatti sede il birrificio De Dolle. A gennaio 2015 per promuovere il turismo nell’area, la municipalità di Diksmuide ha voluto creare alcuni prodotti gastronomici a marchio Drie Mussen. Al caseificio biologico Dischhof è stato commissionato un formaggio (Drie Mussenkaas) prodotto con il latte del bestiame che pascola libero nella zona del polder. Al birrificio De Dolle, che si trova ai margini della zona, è invece toccato il compito di realizzare il suo abbinamento perfetto, la Drie Mussenbier. La birra.Ricordo il mio stupore quando nell’estate del 2015 avvistai una bottiglia di Drie Mussen (8%) in un piccolo negozio di alimentari di Diksmuide. Non ne avevo mai sentito parlare e pensavo d’aver messo le mani su una specie di rarità, ma qualche ricerca in Internet mi fece poi tornare rapidamente con i piedi sulla terra. Sembra infatti essere una semplice rietichettatura della Arabier, anche se questo articolo del 2015  parla di una “versione speciale della Arabier”. Impossibile pretendere di conoscere la verità quando c’è di mezzo De Dolle; il “birraio pazzo” Kris Herteleer ha anche voluto trovare un curioso aneddoto da abbinare al nome. Come detto, De Drie Musschen è il nome di una locanda il cui proprietario aveva tre giovani figlie “così piccole e magre che avrebbero potuto volare via da dietro il bancone, proprio come tre passeri”.  L’Arabier di De Dolle è una Belgian Strong Ale generosamente luppolata e dalla bevibilità assassina; non è ovviamente una birra da far invecchiare ma da bere fresca. Partendo dal presupposto che questa Drie Mussenbier sia solo un’Arabier mascherata, ho deciso volutamente di dimenticarla per cinque anni in cantina per togliermi la curiosità di vederne l’evoluzione.  Il suo colore arancio velato è ovviamente un po’ più scuro rispetto a quello di una Arabier giovane; l’esuberante schiuma pannosa è quasi indissolubile e regala subito forti esteri fruttati, vagamente sciropposi, non facili da definire. Pensate a frutti di bosco, lamponi, ad una mela rossa matura, alla ciliegia sciroppata: bisogna attendere molti minuti che la schiuma collassi per sentire profumi più convenzionali che richiamano il biscottato, la frutta candita e quel magico profumo del lievito belga che per certi versi può ricordare alcuni champagne. Il timore che sia una birra terribilmente dolce ed ossidata svanisce fortunatamente al primo sorso: la bevuta è molto più armonica, bilanciata tra accenni di caramello e biscottati, pesca e albicocca candita, uvetta gialla e qualche nota vinosa che inizia a ricordare il marsalato. Ma la vera magia di questa Drie Mussen/ Arabier avviene nel finale, con un bel taglio acidulo a ripulire il dolce e un finale secchissimo, con punta amaricante di frutta secca a guscio che nuovamente suggerisce affinità con il mondo dello champagne. (Lo scenario descritto vi suona familiare? Qualche Stille Nacht con un paio d’anni sulle spalle, forse ?) La sua generosa luppolatura è scomparsa, l’alcool scalda con raziocinio e le bollicine non hanno l’aggressività tipica di una Arabier fresca: certo, il corpo mostra qualche lieve cedimento ma è una birra che si beve bene e che impressiona per la sua tenuta nel tempo. Non posso dire di preferirla ad una Arabier giovane, ma non ne farei un dramma se scoprissi di essermi dimenticato in cantina qualche bottiglia.Per vostra informazione la Drie Mussen viene ancora prodotta con un'etichetta un po' meno amatoriale e un bicchiere - il classico Oerbier di De Dolle - serigrafato appropriatamente. Formato 33 cl., alc. 8%, scad. 05/2017, pagata 2,02 Euro (Belgio)NOTA: la descrizione della birra è basata esclusivamente sull’assaggio di questo esemplare e potrebbe non rispecchiare la produzione abituale del birrificio

Vento Forte Pale Ale

Inaugurato agli inizi del 2014 il birrificio laziale Vento Forte si è subito imposto tra i migliori produttori nazionali di birre luppolate. Ve ne avevo parlato proprio a qualche mese dal debutto, avvenuto con la Starter IPA. Lo fonda Andrea Dell’Olmo assieme alla sorella Fabiana: la sua avventura nel mondo della birra era iniziata nel 2007 quando, studente universitario con la passione per il surf, viene a contatto per la prima volta con la Craft Beer Revolution americana. A quel tempo Roma era avamposto nazionale del luppolo USA grazie soprattutto al lavoro di Alex Liberati che alla Brasserie 4:20 ospitava i grandi birrifici della California, organizzando anche incredibili tap takeover: qualcuno ricorderà quelli di Port Brewing, con i fusti fatti arrivare via aerea per preservarne la freschezza. E sembra sia stata proprio la Port Brewing Anniversary Ale, a conquistarlo:  del resto, in etichetta vi sono tre tavole da surf e sullo sfondo la spiaggia di San Diego. Dopo due anni di homebrewing nel seminterrato della propria casa, a pochi passi dal mare, il progetto birrificio sarebbe già pronto ma la burocrazia italiana non vuole farsi da parte. Il debutto viene così rimandato di quasi cinque anni; Andrea vorrebbe un birrificio vicino alla spiaggia ma deve accontentarsi del lago di Bracciano. Il nome?  Sembra un’idea della mamma, un po’ preoccupata dall’amore del figlio per le onde del mare e per il vento che deve soffiare forte. Tra gli appassionati romani all’inizio del 2014 c’è grande attesa per il debutto di Vento Forte, al punto che la prima cotta di Starter IPA viene letteralmente prosciugata in un weekend alla spine del Ma che siete venuti a fa’ e di altri locali della capitale.  Sarà questa la strategia commerciale perseguita dal birrificio di Bracciano negli anni a venire:  una crescita lenta, destinata soprattutto al mercato locale, perennemente insufficiente a soddisfare tutta la richiesta. Le prime bottiglie del 2014 che vengono distribuite nel resto dell’Italia sembrano essere quasi dei “campioni commerciali”  per far conoscere il nome: la produzione si concentrerà esclusivamente sui fusti, il 90% dei quali venduti all’interno del Grande Raccordo Anulare e solo a quei locali che ne garantiscono ottimale conservazione e servizio. La distribuzione limitata ha inevitabilmente sempre precluso al birrificio di Bracciano il palco di Birraio dell’Anno, manifestazione nazionale che premia ogni anno i migliori birrai; gli appassionati ricorderanno le polemiche nate sui sociali dopo il quarto posto ottenuto da Andrea Dell’Olmo tra i birrai emergenti  del 2015. Nulla di strano, a pensarci bene: impossibile per la maggior parte dei “giudici” votare un birrificio che non riescono a bere. Io stesso dal 2014 a oggi avrò bevuto Vento Forte quattro-cinque volte, non di più.Per gli appassionati Vento Forte è il “birrificio del luppolo, delle IPA e delle Double IPA” ma già nel 2013 Dell’Olmo aveva iniziato con gli esperimenti in botte, creando blend di Farmhouse Ales in bottiglia con aggiunta di frutta che hanno avuto bisogno di molti anni di prove e di affinamenti prima di essere rivelate al pubblico.L’emergenza Covid-19 e la chiusura di molti locali ha inevitabilmente costretto il birrificio di Bracciano a rivedere i propri piani e a rimandare l’apertura della taproom, prevista per la fine del 2020; sono quindi arrivate le prime lattine che il birrificio spedisce anche direttamente in tutta Italia.  Oggi la gamma Vento Forte è composta da quattro birre fisse (Follower IPA, #53 Session IPA, Pale Ale e Pro Follower Double IPA)  affiancate da un ampio numero di etichette occasionali e stagionali. La birra. Attualmente la Pale  Ale di Vento Forte  (5.1%)  è una birra la cui ricetta varia leggermente  ad ogni cotta in base alla disponibilità dei luppoli. La sua ultima versione vede l’utilizzo di Ekuanot, Nugget, Belma, Columbus, Crystal e Mosaic. Leggermente velata, si presenta di color oro con un bel cappello di schiuma cremosa e compatta che ha ottima ritenzione. Cedro, pompelmo, bergamotto, qualche nota tropicale e dank danno forma ad un naso pulito e fresco, nel complesso gradevole. Lo spettro aromatico non è particolarmente ampio o intenso, caratteristiche tutto sommato accettabili in una Pale Ale che non vuole richiedere particolari attenzioni, ma solo essere bevuta. Il corpo è medio, le bollicine sono quelle giuste e la birra ha ottima scorrevolezza senza trascurare una bella presenza tattile al palato. Pane e crackers, un tocco di miele e qualche accenno tropicale iniziano un percorso che sfuma gradualmente in un amaro dalle tonalità erbaceevegetali che non tralascia qualche ricordo dank e resinoso. E’ una Pale Ale pulita e ben fatta che si beve con piacere ma – devo essere sincero – non m’impressiona per definizione, intensità e personalità. Mi sembra viaggiare un po’ col freno a mano tirato o, contestualizzando, sembra uno di quei pomeriggi in cui il maestrale, vento amato dai surfisti, si fa un po’ desiderare.Formato 50 cl.,  alc. 5.1%, lotto 06/11/2020, scad. 06/02/2021, prezzo indicativo 8,00 euro (beershop) NOTA: la descrizione della birra è basata esclusivamente sull’assaggio di questo esemplare e potrebbe non rispecchiare la produzione abituale del birrificio

Vento Forte Pale Ale

Inaugurato agli inizi del 2014 il birrificio laziale Vento Forte si è subito imposto tra i migliori produttori nazionali di birre luppolate. Ve ne avevo parlato proprio a qualche mese dal debutto, avvenuto con la Starter IPA. Lo fonda Andrea Dell’Olmo assieme alla sorella Fabiana: la sua avventura nel mondo della birra era iniziata nel 2007 quando, studente universitario con la passione per il surf, viene a contatto per la prima volta con la Craft Beer Revolution americana. A quel tempo Roma era avamposto nazionale del luppolo USA grazie soprattutto al lavoro di Alex Liberati che alla Brasserie 4:20 ospitava i grandi birrifici della California, organizzando anche incredibili tap takeover: qualcuno ricorderà quelli di Port Brewing, con i fusti fatti arrivare via aerea per preservarne la freschezza. E sembra sia stata proprio la Port Brewing Anniversary Ale, a conquistarlo:  del resto, in etichetta vi sono tre tavole da surf e sullo sfondo la spiaggia di San Diego. Dopo due anni di homebrewing nel seminterrato della propria casa, a pochi passi dal mare, il progetto birrificio sarebbe già pronto ma la burocrazia italiana non vuole farsi da parte. Il debutto viene così rimandato di quasi cinque anni; Andrea vorrebbe un birrificio vicino alla spiaggia ma deve accontentarsi del lago di Bracciano. Il nome?  Sembra un’idea della mamma, un po’ preoccupata dall’amore del figlio per le onde del mare e per il vento che deve soffiare forte. Tra gli appassionati romani all’inizio del 2014 c’è grande attesa per il debutto di Vento Forte, al punto che la prima cotta di Starter IPA viene letteralmente prosciugata in un weekend alla spine del Ma che siete venuti a fa’ e di altri locali della capitale.  Sarà questa la strategia commerciale perseguita dal birrificio di Bracciano negli anni a venire:  una crescita lenta, destinata soprattutto al mercato locale, perennemente insufficiente a soddisfare tutta la richiesta. Le prime bottiglie del 2014 che vengono distribuite nel resto dell’Italia sembrano essere quasi dei “campioni commerciali”  per far conoscere il nome: la produzione si concentrerà esclusivamente sui fusti, il 90% dei quali venduti all’interno del Grande Raccordo Anulare e solo a quei locali che ne garantiscono ottimale conservazione e servizio. La distribuzione limitata ha inevitabilmente sempre precluso al birrificio di Bracciano il palco di Birraio dell’Anno, manifestazione nazionale che premia ogni anno i migliori birrai; gli appassionati ricorderanno le polemiche nate sui sociali dopo il quarto posto ottenuto da Andrea Dell’Olmo tra i birrai emergenti  del 2015. Nulla di strano, a pensarci bene: impossibile per la maggior parte dei “giudici” votare un birrificio che non riescono a bere. Io stesso dal 2014 a oggi avrò bevuto Vento Forte quattro-cinque volte, non di più.Per gli appassionati Vento Forte è il “birrificio del luppolo, delle IPA e delle Double IPA” ma già nel 2013 Dell’Olmo aveva iniziato con gli esperimenti in botte, creando blend di Farmhouse Ales in bottiglia con aggiunta di frutta che hanno avuto bisogno di molti anni di prove e di affinamenti prima di essere rivelate al pubblico.L’emergenza Covid-19 e la chiusura di molti locali ha inevitabilmente costretto il birrificio di Bracciano a rivedere i propri piani e a rimandare l’apertura della taproom, prevista per la fine del 2020; sono quindi arrivate le prime lattine che il birrificio spedisce anche direttamente in tutta Italia.  Oggi la gamma Vento Forte è composta da quattro birre fisse (Follower IPA, #53 Session IPA, Pale Ale e Pro Follower Double IPA)  affiancate da un ampio numero di etichette occasionali e stagionali. La birra. Attualmente la Pale  Ale di Vento Forte  (5.1%)  è una birra la cui ricetta varia leggermente  ad ogni cotta in base alla disponibilità dei luppoli. La sua ultima versione vede l’utilizzo di Ekuanot, Nugget, Belma, Columbus, Crystal e Mosaic. Leggermente velata, si presenta di color oro con un bel cappello di schiuma cremosa e compatta che ha ottima ritenzione. Cedro, pompelmo, bergamotto, qualche nota tropicale e dank danno forma ad un naso pulito e fresco, nel complesso gradevole. Lo spettro aromatico non è particolarmente ampio o intenso, caratteristiche tutto sommato accettabili in una Pale Ale che non vuole richiedere particolari attenzioni, ma solo essere bevuta. Il corpo è medio, le bollicine sono quelle giuste e la birra ha ottima scorrevolezza senza trascurare una bella presenza tattile al palato. Pane e crackers, un tocco di miele e qualche accenno tropicale iniziano un percorso che sfuma gradualmente in un amaro dalle tonalità erbaceevegetali che non tralascia qualche ricordo dank e resinoso. E’ una Pale Ale pulita e ben fatta che si beve con piacere ma – devo essere sincero – non m’impressiona per definizione, intensità e personalità. Mi sembra viaggiare un po’ col freno a mano tirato o, contestualizzando, sembra uno di quei pomeriggi in cui il maestrale, vento amato dai surfisti, si fa un po’ desiderare.Formato 50 cl.,  alc. 5.1%, lotto 06/11/2020, scad. 06/02/2021, prezzo indicativo 8,00 euro (beershop) NOTA: la descrizione della birra è basata esclusivamente sull’assaggio di questo esemplare e potrebbe non rispecchiare la produzione abituale del birrificio

Galaxy Beershop / Brasseria della Fonte Vynile Brown Ale

La rivoluzione della birra artigianale ha salvato alcuni stili dall’estinzione, ne ha nobilitato altri e ne ha inventato di nuovi: Black IPA, New England IPA, Milkshake IPA, Italian Grape Ale o Pastry Stout, giusto per citarne alcuni, hanno avuto o stanno avendo il loro momento di gloria ma chissà se ci ricorderemo di loro tra una decina d’anni o tra un secolo. Di certo la Craft Beer Revoultion non è stata molto clemente con le Brown Ale, nobilissimo stile anglosassone la cui storia si potrebbe riassumere con pochissime parole: prima dell’invenzione delle Pale Ales, tutte le birre in commercio erano scure.  Scriveva John Milton nel suo poema L’Allegro del 1645: “giovani e meno giovani si fanno avanti per giocare in un assolato giorno di vacanza, fino a quando non viene a meno la luce del sole ed arriva il momento per una speziata birra color nocciola” (And young and old come forth to play, On a sunshine holiday, Till the live-long daylight fail, Then to the spicy nut-brown ale).  A quel tempo il malto veniva essiccato a fuoco vivo: il risultato era ovviamente una birra marrone con un forte carattere affumicato.  Nel 1817 Daniel Wheeler inventò il tostacaffè, una rivoluzione epocale che permise di ottenere malti scuri senza quello spiccato odore e sapore di fumo che non era amato da tutti. I birrifici iniziarono subito ad utilizzarli nelle loro Porter e Stout ed iniziò il rapido declino delle Brown Ales che di fatto scomparvero nel diciannovesimo secolo. Fu necessario attendere quasi altri cento anni: nel 1902 il birrificio londinese Mann, Crossman and Paulin produsse la Mann’s Brown Ale che con una gradazione alcolica solo del 2.7%  sembrò anticipare il  “Great Gravity Drop” imposto dal governo nel periodo della prima guerra mondiale. Il birrificio la promuoveva con lo slogan “la birra più dolce di  Londra”. Non fu un successo immediato e ci vollero quasi vent’anni per convincere altri birrifici a seguire la strada:  nel 1920, nacque la Newcastle Brown Ale che ebbe un grande successo soprattutto nella sua versione in bottiglia spingendo altri produttori ad imitarla, come Samuel Smith (Yorkshire) che lanciò la Nut Brown Ale.  A Londra anche Truman, uno dei maggiori produttori di porter, iniziò a produrre la propria Brown Ale ed a nord Steward & Patteson idearono la Norfolk Brown Ale.La rinascita di uno stile?  Per lo storico Martyn Cornell non esiste nessuno stile Brown Ale: basta osservare il colore della Mann (quasi nera) e della Newcastle (ambrata) per rendersene conto. La “colpa” sarebbe del beerhunter Michael Jackson che nelle sue guide le aveva sempre raggruppate sotto ad un unico ombrello. Negli anni 70 nel Regno Unito venivano ancora prodotte un centinaio di Brown Ales, numero destinato però a ridursi drasticamente.   Il BJCP definisce oggi una Brown Ale come una “birra maltata di color marrone basata sul caramello ma senza il gusto di torrefatto della Porter. Ampia categoria con diverse interpretazioni possibili: da chiara luppolata a molto scura e caramellata, tuttavia nessuna ha gusti fortemente torrefatti”. La Craft Beer Revolution americana fece qualche tentativo per rivitalizzare lo stile, potenziando ovviamente l’ABV:  notabile in particolare quello di Dogfish Head con la sua Indian Brown Ale che a me era piaciuta parecchio, così come Board Meeting di Port Brewing. E in Italia? Non sono molti i birrifici che hanno in produzione una Brown  Ale, sia nella classica interpretazione inglese che in quella americana, ovviamente più luppolata. Sul blog trovate Santa Giulia del Piccolo Birrificio Clandestino, la O.G. 1048 di Carrobiolo e soprattutto la convincente Sweet Earth di EastSide ma segnalo anche la Jehol di Bi-Du, la Chester Brown di Dada, la Flebo di Casa di Cura, la Vecchia Volpe di Valcavallina.La birra.Quando si fa una birra l’obiettivo principale è ovviamente quello di venderla, necessità che va oltre quelle che sono i gusti personali o la soddisfazione del birraio. Il mercato non chiede le Brown Ale e i birrifici raramente le producono. Personalmente le bevo sempre con grande piacere ogni volta che le incontro, soprattutto nelle versioni “imperial”: quella degli  scozzesi Tempest va un po’ al di fuori degli schemi ma è una delle birre più buone nate negli ultimi anni. Per questo plaudo al coraggio del Galaxy Beershop (da anni indiscutibile punto di riferimento per gli appassionati di Reggio Emilia, Modena e dintorni) e di Brasseria della Fonte di puntare su di una Brown Ale per la loro prima collaborazione, pronta giusto in tempo per le festività natalizie. Una scelta che va oltre la solita IPA, sempre benvoluta dai clienti, o dalla classica Strong Ale (spesso Belgian) speziata che viene prodotta in queste occasioni. Vynile è il nome dato ad un’American Brown Ale luppolata con Magnum ed Amarillo ed un abbondante utilizzo di avena maltata e fiocchi d'avena per donarle un mouthfeel morbido e adatto ai mesi più freddi dell’anno. Un’accidentale fotografia scattata durante la produzione (whirlpool) che ricordava i vecchi LP  ha fornito l’ispirazione per il nome: Vynile. Al grafico Andrea Poletti il compito di costruirle attorno un giradischi virtuale. Ne sono state realizzate 400 bottiglie e alcuni fusti distribuiti anche a locali amici. Nel bicchiere si presenta di color mogano acceso da vivaci riflessi rosso rubino, la schiuma beige è cremosa, compatta ed ha ottima persistenza. Nonostante sia dichiaratamente un’American Brown Ale i suoi profumi sono spiccatamente british, con quel classico “nutty” accompagnato da note terrose, frutta secca e frutti di bosco; in secondo piano si scorgono accenni di tostature, caffè e cioccolato. L’avena mostra di aver svolto alla perfezione il compito per il quale è  stata chiamata in causa:  la sensazione palatale è morbidissima, a tratti quasi impalpabile. Alla spina l’ho invece trovata leggermente più densa. Caramello, qualche accenno biscottato e frutta secca, soprattutto nocciola, danno il via ad una bevuta calda, ulteriormente ammorbidita da qualche accenno d’uvetta e poi risvegliata da un bel crescendo amaro finale, ricco di note terrose, di richiami al caffè e al cioccolato e da una lieve acidità che pulisce benissimo il palato. L’alcool è davvero ben nascosto ed il mio consiglio è di berla il più possibile prossima alla temperatura ambiente (come si farebbe nel Regno Unito) se volete godere di quelle delicate coccole etiliche necessarie nei mesi più freddi dell’anno.  Molto ben fatta, intensa ma facilissima da bere: pulita e ben definita ma non priva di un certo carattere rustico, autentico, capace di trasportarti virtualmente in uno vecchio pub di un piccolo paese americano inglese. Pensate al calore che vi trasmette un vecchio disco in vinile rispetto ad un cd digitale quando ascoltate determinati generi musicali. E’ difficile da spiegare a parole, meglio bere. Formato 50 cl., IBU 60, lotto   ,  prezzo indicativo 6,00 euro (beershop)

Galaxy Beershop / Brasseria della Fonte Vynile Brown Ale

La rivoluzione della birra artigianale ha salvato alcuni stili dall’estinzione, ne ha nobilitato altri e ne ha inventato di nuovi: Black IPA, New England IPA, Milkshake IPA, Italian Grape Ale o Pastry Stout, giusto per citarne alcuni, hanno avuto o stanno avendo il loro momento di gloria ma chissà se ci ricorderemo di loro tra una decina d’anni o tra un secolo. Di certo la Craft Beer Revoultion non è stata molto clemente con le Brown Ale, nobilissimo stile anglosassone la cui storia si potrebbe riassumere con pochissime parole: prima dell’invenzione delle Pale Ales, tutte le birre in commercio erano scure.  Scriveva John Milton nel suo poema L’Allegro del 1645: “giovani e meno giovani si fanno avanti per giocare in un assolato giorno di vacanza, fino a quando non viene a meno la luce del sole ed arriva il momento per una speziata birra color nocciola” (And young and old come forth to play, On a sunshine holiday, Till the live-long daylight fail, Then to the spicy nut-brown ale).  A quel tempo il malto veniva essiccato a fuoco vivo: il risultato era ovviamente una birra marrone con un forte carattere affumicato.  Nel 1817 Daniel Wheeler inventò il tostacaffè, una rivoluzione epocale che permise di ottenere malti scuri senza quello spiccato odore e sapore di fumo che non era amato da tutti. I birrifici iniziarono subito ad utilizzarli nelle loro Porter e Stout ed iniziò il rapido declino delle Brown Ales che di fatto scomparvero nel diciannovesimo secolo. Fu necessario attendere quasi altri cento anni: nel 1902 il birrificio londinese Mann, Crossman and Paulin produsse la Mann’s Brown Ale che con una gradazione alcolica solo del 2.7%  sembrò anticipare il  “Great Gravity Drop” imposto dal governo nel periodo della prima guerra mondiale. Il birrificio la promuoveva con lo slogan “la birra più dolce di  Londra”. Non fu un successo immediato e ci vollero quasi vent’anni per convincere altri birrifici a seguire la strada:  nel 1920, nacque la Newcastle Brown Ale che ebbe un grande successo soprattutto nella sua versione in bottiglia spingendo altri produttori ad imitarla, come Samuel Smith (Yorkshire) che lanciò la Nut Brown Ale.  A Londra anche Truman, uno dei maggiori produttori di porter, iniziò a produrre la propria Brown Ale ed a nord Steward & Patteson idearono la Norfolk Brown Ale.La rinascita di uno stile?  Per lo storico Martyn Cornell non esiste nessuno stile Brown Ale: basta osservare il colore della Mann (quasi nera) e della Newcastle (ambrata) per rendersene conto. La “colpa” sarebbe del beerhunter Michael Jackson che nelle sue guide le aveva sempre raggruppate sotto ad un unico ombrello. Negli anni 70 nel Regno Unito venivano ancora prodotte un centinaio di Brown Ales, numero destinato però a ridursi drasticamente.   Il BJCP definisce oggi una Brown Ale come una “birra maltata di color marrone basata sul caramello ma senza il gusto di torrefatto della Porter. Ampia categoria con diverse interpretazioni possibili: da chiara luppolata a molto scura e caramellata, tuttavia nessuna ha gusti fortemente torrefatti”. La Craft Beer Revolution americana fece qualche tentativo per rivitalizzare lo stile, potenziando ovviamente l’ABV:  notabile in particolare quello di Dogfish Head con la sua Indian Brown Ale che a me era piaciuta parecchio, così come Board Meeting di Port Brewing. E in Italia? Non sono molti i birrifici che hanno in produzione una Brown  Ale, sia nella classica interpretazione inglese che in quella americana, ovviamente più luppolata. Sul blog trovate Santa Giulia del Piccolo Birrificio Clandestino, la O.G. 1048 di Carrobiolo e soprattutto la convincente Sweet Earth di EastSide ma segnalo anche la Jehol di Bi-Du, la Chester Brown di Dada, la Flebo di Casa di Cura, la Vecchia Volpe di Valcavallina.La birra.Quando si fa una birra l’obiettivo principale è ovviamente quello di venderla, necessità che va oltre quelle che sono i gusti personali o la soddisfazione del birraio. Il mercato non chiede le Brown Ale e i birrifici raramente le producono. Personalmente le bevo sempre con grande piacere ogni volta che le incontro, soprattutto nelle versioni “imperial”: quella degli  scozzesi Tempest va un po’ al di fuori degli schemi ma è una delle birre più buone nate negli ultimi anni. Per questo plaudo al coraggio del Galaxy Beershop (da anni indiscutibile punto di riferimento per gli appassionati di Reggio Emilia, Modena e dintorni) e di Brasseria della Fonte di puntare su di una Brown Ale per la loro prima collaborazione, pronta giusto in tempo per le festività natalizie. Una scelta che va oltre la solita IPA, sempre benvoluta dai clienti, o dalla classica Strong Ale (spesso Belgian) speziata che viene prodotta in queste occasioni. Vynile è il nome dato ad un’American Brown Ale luppolata con Magnum ed Amarillo ed un abbondante utilizzo di avena maltata e fiocchi d'avena per donarle un mouthfeel morbido e adatto ai mesi più freddi dell’anno. Un’accidentale fotografia scattata durante la produzione (whirlpool) che ricordava i vecchi LP  ha fornito l’ispirazione per il nome: Vynile. Al grafico Andrea Poletti il compito di costruirle attorno un giradischi virtuale. Ne sono state realizzate 400 bottiglie e alcuni fusti distribuiti anche a locali amici. Nel bicchiere si presenta di color mogano acceso da vivaci riflessi rosso rubino, la schiuma beige è cremosa, compatta ed ha ottima persistenza. Nonostante sia dichiaratamente un’American Brown Ale i suoi profumi sono spiccatamente british, con quel classico “nutty” accompagnato da note terrose, frutta secca e frutti di bosco; in secondo piano si scorgono accenni di tostature, caffè e cioccolato. L’avena mostra di aver svolto alla perfezione il compito per il quale è  stata chiamata in causa:  la sensazione palatale è morbidissima, a tratti quasi impalpabile. Alla spina l’ho invece trovata leggermente più densa. Caramello, qualche accenno biscottato e frutta secca, soprattutto nocciola, danno il via ad una bevuta calda, ulteriormente ammorbidita da qualche accenno d’uvetta e poi risvegliata da un bel crescendo amaro finale, ricco di note terrose, di richiami al caffè e al cioccolato e da una lieve acidità che pulisce benissimo il palato. L’alcool è davvero ben nascosto ed il mio consiglio è di berla il più possibile prossima alla temperatura ambiente (come si farebbe nel Regno Unito) se volete godere di quelle delicate coccole etiliche necessarie nei mesi più freddi dell’anno.  Molto ben fatta, intensa ma facilissima da bere: pulita e ben definita ma non priva di un certo carattere rustico, autentico, capace di trasportarti virtualmente in uno vecchio pub di un piccolo paese americano inglese. Pensate al calore che vi trasmette un vecchio disco in vinile rispetto ad un cd digitale quando ascoltate determinati generi musicali. E’ difficile da spiegare a parole, meglio bere. Formato 50 cl., IBU 60, lotto   ,  prezzo indicativo 6,00 euro (beershop)